La leggenda del Clint mancante

Per la serie “forse non tutti sanno che” è particolare notare un fatto che ha interessato la scena dopo i titoli di coda di “Avengers: Infinity War“.

Nella sequenza che coinvolge Nick Fury e Maria Hill interpretata dalla sempre bellissima Cobie Smulders (quando più spazio per lei?) appena prima dell’incidente stradale che coinvolge il loro veicolo, sentiamo l’ex direttore dello SHIELD fare il nome di un certo “Cline“, portandoci a pensare che si riferisse a Clint Burton, Occhio di Falco, assente dalla pellicola perché agli arresti domiciliari dopo i fatti di “Captain America: Civil War” (un pretesto leggermente povero onestamente, che spero spiegheranno meglio nel prossimo film).

Un errore di doppiaggio quindi? In diversi si sono posti la domanda e sono andati a controllare l’audio originale che sembra però confermare lo stesso “Cline”. Doppiatore nostrano assolto quindi? Neanche per niente, visto che spesso la pronuncia molto strascicata di Samuel Jackson tende a storpiare qualche parola, portando effettivamente “Clint” a suonare come “Cline”. A dare manforte a questa ipotesi alcuni hanno fatto anche notare che recentemente il nome “Raina” nella serie “Agents of SHIELD” ha cambiato pronuncia, segno di un non sempre perfetto lavoro di doppiaggio nei prodotti Marvel. Quindi errore di doppiaggio (peraltro molto buono nel resto del film) o forse un più banale errore di trascrizione del copione?

Per diverse settimane le voci più disparate si sono rincorse alla ricerca della verità.

Alla fine? Niente di tutto questo.

Diversi siti americani (e sembra, ma senza conferma, Kevin Feige stesso) hanno fatto luce sulla questione affermando che il “Cline” a cui si riferisce Fury non è il personaggio portato sullo schermo da Jeremy Renner ma Cameron Klein, interpretato da Aaron Himelstein. Il personaggio di Klein (esistente anche nei fumetti) è un tecnico dello SHIELD già apparso in “Captain America: The Winter Soldier” e “Avengers: Age of Ultron”.

Niente quindi “cameo mancato per colpa di altri” per il nostro Clint, già pronto a tornare da Ronin nel quarto film degli Avengers, dopo che la morte della sua famiglia è quotata dai bookmakers 1:1 e sperando, come molti, che stavolta il suo ruolo rende onore a quello che rimane uno dei personaggi più importanti dell’Universo Marvel.

Condividi:

Paul Cameron

Classe 1980. Grafico, cosplayer, collezionista. Una passione infinita per il cinema che mi ha visto impegnato sia come sceneggiatore, regista, attore e infine come recensore. Non cerco il consenso, solo la tua visione al mio punto di vista! Il mio sito personale: http://leopinionidelcameron.jimdo.com